Come é fatto un pozzo per acqua

Un po’ di storia sui pozzi per acqua

I primi pozzi per acqua com’erano? Probabilmente i nostri antenati si sono subito accorti che scavare un buco nella terra richiedeva molta prudenza: si poteva venire seppelliti dalle pareti del foro! Poi si saranno anche accorti che una volta rinforzate le pareti c’era sempre il rischio che il pozzo venisse avvelenato…o sporcato dalle mandrie le cui feci entravano magari nel “buco” attraverso fori o rotture della protezione durante i temporali…

Insomma, avete capito per fare un pozzo per acqua bisogna avere queste due preoccupazioni:

  • non fare crollare le pareti
  • proteggere dalla superficie

La costruzione schematica di un moderno pozzo per acqua

In sostanza ecco come si fa oggi schematicamente un pozzo per acqua.

Si inizia a scavare con una trivella meccanica (gli scavi a mano li lasciamo per ora stare) e piano piano si scende a tappe in profondità con la trivellazione, secondo la lunghezza delle aste perforanti. Ad ogni tappa si mette un tubazione di protezione a sostegno delle pareti. Questo primo tubo é di diametro leggermente inferiore al foro iniziale onde lasciare un’ intercapedine esterna di ca. 2cm tra il tubo e le pareti. Non é un dettaglio da poco! Quell’intercapedine sarà riempita di un cemento speciale che sigilla il foro in alto e con un ghiaietto in basso a contatto dell’acqua per evitare la colmatazione di particelle fini attorno al pozzo..

Una volta raggiunta l’acqua si procede ancora per una certa breve distanza senza rinforzare le pareti perché si metterà solo il nostro ghiaietto.Si finsice quindi di trivellare e si inserisce un tubo in PVC nel pozzo. Questo é “cieco” in alto e finestrato in basso là dove andrà a contatto dell’acqua.

Poi si infila lungo l’asse dello scavo una pompa sommergibile attaccata al tubo di prelievo. In tutte queste operazioni é molto importante stare attenti alla verticalità dello scavo. I “maestri” pozzaioli lo sanno bene.

Si termina sigillando in alto il tutto con una chiusura ermetica onde impedire ogni discesa di sporcizia e acque luride dall’alto che inquinerebbero gravemente anche per decenni l’acqua sotterranea.

Questo é lo schema. L’illustrazione qui sopra si riferisce and una situazione di falda freatica normale. Non si tratta quindi di acqua “sotto pressione” , cioé che fuoriesce dal foro da sola in superficie anche violentemente. In questo caso sarebbe una falda artesiana e quindi un pozzo artesiano. Sarà il tema per un altro articolo.

Ritorna alla pagina principale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.